Tutti gli articoli di Massimo Scarano

Presidente di Lega

CALUMET CITY COPPA.31

Finale divertente e ricca di gol. Purtroppo non ci riesce di bissare la vittoria della precedente edizione e così dobbiamo accontentarci di un secondo, secondo posto. Questa stagione è stata tutta Virus vs Calumet, ce le siamo cantate e ce le siamo suonate da soli. In questa finale abbiamo pagato la mancanza di obiettivi delle squadre di serie A più rappresentative per noi, ma alla fine nulla potevamo contro lo strapotere di Okaka e Di Lorenzo. Piatek torna al gol e Correa torna in forma, ma la partita seppur mai chiusa, è sempre rimasta nelle mani del nostro avversario. Complimenti a tutti.

CALUMET CITY 52.14

Calumet City – Lolly Poppe 2 – 2 (75,5-72,5)
De Roon 1 (Rig.) , Quagliarella 1 , Nainggolan 1 , Mertens 1

Secondo posto salvo. Non senza fatica e grazie ad un inaspettato gol su rigore di De Roon, ma in fondo crediamo di essercelo meritato, anzi forse in questo campionato di chiusura abbiamo raccolto meno punti di quanti ne meritassimo. Comunque va bene così, festeggiamo anche Quagliarella, che a 36 anni si è preso il lusso di vincere la classifica cannonieri, davanti a Piatek tra l’altro. Le somme si tirano a fine stagione, ma per il momento non male, per il futuro vedremo.

CALUMET CITY 52.13

Mind The Gap – Calumet City 2 – 0 (72-62,5)
Alex Sandro 1

Che brutta, la nostra partita. Autogol, espulsione, pali e traverse ed ovviamente la ciliegina sulla torta, la prestazione di Zapatone, come rigirare il coltello nella piaga. Ora massima attenzione per l’ultima giornata. Chiudere in bellezza e lottare per una manciata di crediti in più.

CALUMET CITY 52.05

Waka Team – Calumet City 3 – 1 (78,5-71)
Piatek 1, Quagliarella 1 (Rig.) , Veretout 1 (Rig.)

Veramente difficile giocare una partita con la formazione schierata 2 mesi prima, alla fine gioco con due in meno, la nuova regola mi lascia perplesso ed amareggiato, ho atteso due mesi per ritrovarmi due calciatori indisponibili. Difficile anche commentare a mesi di distanza, alla fine quelli che avevano giocato erano anche andati bene, ma in 9 è troppo dura. Bene Piatek, bene Quagliarella, male il solo Zapata 5 che porta due 4 a centrocampo e la frittata è fatta.  Con la vecchia regola sarebbero stati 3 punti per me … se … ma … la sostanza è: complimenti ai Virus per la bella vittoria e l’ottima stagione. A questo punto posso dire, meno male che è venuto meno nelle ultime determinanti giornate del primo campionato, è stata una bella stagione una dura battaglia, ora attenzione alla ultime giornate, vogliamo la champions!

CALUMET CITY 52.12

Calumet City – Waka Team 3 – 0 (73,5-61)
Quagliarella 1 (Rig.)

Vittoria importante per il morale e per rimanere nel lato alto della classifica. Una prestazione  sufficiente, dove si mette in evidenza il solo Quagliarella, lasciato colpevolmente in panchina, ma subentrato, segna e assiste per confermare la sua stagione magica. Bene anche Piatek e Cragno, maluccio Zapata, in discesa i laziali. Portiamo a termine la stagione, unico obiettivo ritardare la vittoria dei Virus.

CALUMET CITY 52.11

Virus GiampT – Calumet City 1 – 1 (70,5-67,5)
Piatek 1, Dybala 1 (R)

Pareggio inutile per me, ma le speranze di riacciuffare la vetta erano veramente poche. Partita loffia (confermo) poche emozioni, segna il solito Piatek. Sepe questa volta mantiene la porta inviolata, ma gli preferiamo Cragno, per il resto uomini contati ed è difficile sbagliare la formazione, si sente il calo dei laziali e della fiorentina, ora salviamo la piazza d’onore.

CALUMET CITY 52.10

Kaiser – Calumet City 3 – 2 (80-73)
Pezzella Ger 1, Piatek 1, Zapata D 1, Hateboer 1, Perisic 1

Niente da fare! Il turno infrasettimanale rimane ostile. Una sconfitta pesante, segnata dai troppi 5, tra cui anche quello di Quagliarella, e dall’ennesima tripletta subita da Sepe. Noi comunque raggiungiamo i 73 grazie al solito Piatek e Zapatone a cui si aggiunge la zuccata di Pezzella, che per fortuna non perde il vizietto. La vetta si allontana oramai irrimediabilmente …

CALUMET CITY 52.09

Calumet City – Skotos Hush 3 – 2 (78-77,5)
Zapata D 2, Joao Pedro 1, Gervinho 1, Kean 1

Incredibile e rocambolesca vittoria interna contro un agguerritissimo Skotos. Mezzo voto bidirezionale ed avremmo avuto un esito diverso.
Cominciamo male, Skotos segna a raffica, ma verso ora di pranzo Zapata si sveglia e serve primo e secondo. Determinante in serata l’assist e la bella prestazione di Luis Alberto (ben tornato), ma decisiva è stata la scelta di schierare Cragno tra i pali, vittora tre punti ed il fiato rimane sul collo dei Virus.

CALUMET CITY 52.08

Braveboys – Calumet City 1 – 5 (69,5-84)
Chiesa 1, Luis Alberto 2, Quagliarella 1

Arriva un’altra vittoria esterna, bella netta e fondamentale. La partita sembra indirizzarsi fin da subito nei binari giusti, bene Chiesa, bene Quagliarella, male molto male Sepe, ma almeno due dei quattro presi li ha segnati Luis Alberto, finalmente tornato alla ribalta, finalmente in grado di fare la differenza. Poco male se Piatek prende la sua prima insufficienza, poco male se sbagliamo sempre la scelta fra Zapata e Lautaro, arriva comunque una vittoria che ci tiene in alto, ma non così in alto com’è la vetta di questo campionato.