CALUMET CITY 52.12

Calumet City – Waka Team 3 – 0 (73,5-61)
Quagliarella 1 (Rig.)

Vittoria importante per il morale e per rimanere nel lato alto della classifica. Una prestazione  sufficiente, dove si mette in evidenza il solo Quagliarella, lasciato colpevolmente in panchina, ma subentrato, segna e assiste per confermare la sua stagione magica. Bene anche Piatek e Cragno, maluccio Zapata, in discesa i laziali. Portiamo a termine la stagione, unico obiettivo ritardare la vittoria dei Virus.

CALUMET CITY 52.11

Virus GiampT – Calumet City 1 – 1 (70,5-67,5)
Piatek 1, Dybala 1 (R)

Pareggio inutile per me, ma le speranze di riacciuffare la vetta erano veramente poche. Partita loffia (confermo) poche emozioni, segna il solito Piatek. Sepe questa volta mantiene la porta inviolata, ma gli preferiamo Cragno, per il resto uomini contati ed è difficile sbagliare la formazione, si sente il calo dei laziali e della fiorentina, ora salviamo la piazza d’onore.

Virus c/ Calumet 1-1

Poteva e doveva essere una partita scoppiettante, invece è stato un match loffio. Ma è stata anche un’occasione persa per chiudere il campionato perché bastava un punto per battere il presidente e diventare campioni (il tabellino dice 70,5 a 67,5). Così non è stato, sopratutto a causa  della difesa che incappa in  una pessima giornata: Ghoulam si ferma al 5, Di Lorenzo al 5,5 e Mario Rui al 6. Per di più Lafont (preferito per una volta al titolare Gollini che prende 7 senza reti subite), subisce un gol ed ottiene un 6 in pagella.  Male anche Gerson (5). Queste negatività incidono sulla prestazione buona dell’attacco (in gol va Dybala su rigore, visto che Ronaldo è ormai in vacanza da mezzo campionato) e di parte del centrocampo con Boga (6,5) ed Ilicic (6,5 e punto capitano). Petagna e Savic giocano pochi minuti in questo turnover di fine stagione che proprio ha scassato le palle.

Siamo sempre in corsa, la strada non è finita e tutti devono pedalare ancora. Perciò, concentrazione, concentrazione. Ora attendiamo il recupero di Lazio Udinese per conoscere la classifica reale.

 

Lolly Poppe /Virus 3-4

Che trasferta! Le emozioni non sono certo mancate. Pronti via segna Lasagna, presto rimontato dai gol di Bonucci e zielinski che portano avanti la squadra di casa. Ma come al solito non molliamo. Alla sera del mercoledi Gerson rimette le cose in parità mentre PetoPetagna (mitico!) da il primo strappo verso la vittoria. Siamo in vantaggio ma non basta forse x vincere. Lolly non molla e va in gol con berardi e supera quota 78 che garantirebbe la vittoria. Ma c’è ancora ilicic  che deve scendere in campo e lo fa danzando sul pallone tanto che con una doppietta fantastica ed un assist chiude in 15 minuti una partita che sembrava eterna. Complimenti ai Lolly, complimenti a noi che siamo stati grandi nei momenti di difficoltà. Nessuno ti regala niente e mancano ancora 4 partite per cui, concentrazione, concentrazione.

Ps il vero titolo di quest’articolo era: Lasagna/Petagna….duo tutto da gustare….prima e dopo il pasto😂😂

CALUMET CITY 52.10

Kaiser – Calumet City 3 – 2 (80-73)
Pezzella Ger 1, Piatek 1, Zapata D 1, Hateboer 1, Perisic 1

Niente da fare! Il turno infrasettimanale rimane ostile. Una sconfitta pesante, segnata dai troppi 5, tra cui anche quello di Quagliarella, e dall’ennesima tripletta subita da Sepe. Noi comunque raggiungiamo i 73 grazie al solito Piatek e Zapatone a cui si aggiunge la zuccata di Pezzella, che per fortuna non perde il vizietto. La vetta si allontana oramai irrimediabilmente …

CALUMET CITY 52.09

Calumet City – Skotos Hush 3 – 2 (78-77,5)
Zapata D 2, Joao Pedro 1, Gervinho 1, Kean 1

Incredibile e rocambolesca vittoria interna contro un agguerritissimo Skotos. Mezzo voto bidirezionale ed avremmo avuto un esito diverso.
Cominciamo male, Skotos segna a raffica, ma verso ora di pranzo Zapata si sveglia e serve primo e secondo. Determinante in serata l’assist e la bella prestazione di Luis Alberto (ben tornato), ma decisiva è stata la scelta di schierare Cragno tra i pali, vittora tre punti ed il fiato rimane sul collo dei Virus.

Virus / Mind 4-1

La squadra continua ad essere falcidiata dalle assenze, ma continua a vincere. Out questa volta c’erano: Ronaldo, Dybala, Santander, Albiol, Ghoulam, Kessie e Srna, mentre ilicic gioca solo 30 minuti. Ad aiutare la combriccola arriva BOGAAA dopo una complessa manovra del Presidente che vende Locatelli per comprare un campioncino in erba che, siamo sicuri, sarà utile anche per gli anni a venire. Ora il centrocampo, orfano di Hamsik, è completo e pronto al gol con Ilicic, Savic, Boga e uno tra Kessie e Gerson.
La partita. Mind alla fine gioca in 10 a causa dell’attacco decimato dalle assenze (giocano solo Dzeko e Falque su tre att. schierati), ma si batte arrivando a 71. Verdi, come al solito, segna contro di noi e fa assist, ma la squadra reagisce con i primi gol di Okaka e del neo acquisto Boga. Chiude i giochi l’atteso gol di Milinkovic Savic che sta ripagando il costo esoso del cartellino. Senza Ronaldo non è la stessa cosa ma la squadra sta moltiplicando le energie. Ci attendono altre 5 partite dure. Concentrazione, concentrazione.

CALUMET CITY 52.08

Braveboys – Calumet City 1 – 5 (69,5-84)
Chiesa 1, Luis Alberto 2, Quagliarella 1

Arriva un’altra vittoria esterna, bella netta e fondamentale. La partita sembra indirizzarsi fin da subito nei binari giusti, bene Chiesa, bene Quagliarella, male molto male Sepe, ma almeno due dei quattro presi li ha segnati Luis Alberto, finalmente tornato alla ribalta, finalmente in grado di fare la differenza. Poco male se Piatek prende la sua prima insufficienza, poco male se sbagliamo sempre la scelta fra Zapata e Lautaro, arriva comunque una vittoria che ci tiene in alto, ma non così in alto com’è la vetta di questo campionato.

Skotos / Virus 1-2

Ancora senza Ronaldo, e sono tre. Ancora una prova di squadra. Pronti via, gli avversari, che giocano in casa, segnano con Pedro e Linetty con tanto di assist 7 e 7,5. Ma il w.e. è lungo. Il nuovo acquisto Petagna ripaga la fiducia e va in gol. Savic fa ancora assist (a quando i gol??) come gerson. Siamo in gioco. Il capitano Ilicic segna prende un bel 7 e fa punto capitano. La difesa è appena sufficiente ma fa lo stesso un punto sull’attacco avversario che, intanto, perde colpi tanto che, tra ammonizioni ed insufficienze, non raggiunge quota 72. Vittoria. Secondo gol consecutivo in panca per Lasagna che, tuttavia, non era schierabile titolare. Bene così, aspettiamo ancora Ghoulam. Dove sei Fouzi?