Sogno o son Destro?

Settimana trionfale per il Kaiser. 3 partite e 3 vittorie. 13 gol realizzati e due subiti. Insomma tutto o quasi è andato per il verso giusto.

Ultima vittima, nel derby giallorosso, i sempre insidiosi Braveboys, scavalcati in classifica.

Detto dei timbri puntuali arrivati da Callejon e Gabbiadini, grande merito nella vittoria va a Mattia Destro. Il gol siglato al Verona, oltre a chiudere una partita piuttosto rognosa ed a rispondere subito allo squillo dell’ex (altro splendido gol) di Florenzi, rientra nel novero di quelli che rimarranno nella storia.

Callejon                                      Gabbiadini

Citazione doverosa anche per la splendida tenuta del reparto difensivo, portiere incluso, dove per il terzo match consecutivo otteniamo un punto extra con Manolas su Ljajic (altro ex, ma meno velenoso), che va così a fare compagnia a Maicon ed Abate che avevano portato il punto extra rispettivamente contro Waka e Virus. La caccia al Drugo continua!

K

CASSANATE

E alla fine pur non volendo Cassano entra e segna, col brivido per un rigore che sfiora la traversa, ma segna. La defezione di El Shaarawy (che abbia ancora quel problema al naso di cui tanto si parlava a Padova?) spalanca la strada al pibe di Bari vecchia, gol e assist, la mia valutazione al mercato di riparazione non era poi così sproporzionata. Primi cenni di risveglio anche dal Pipita, una buona prestazione ed assist decisivo, ma da lui ci aspettiamo molto di più.

Bene in generale tutta la squadra, azzeccata la scelta del portiere, ottima l’espulsione di Zapata che apre la strada ad Alex dalla panchina per evitare proprio l’espulsione di Zapata, paradossale … Centrocampo di grande qualità con ben tre assist su quattro schierati, la certezza di aver comprato un campiona Vazquez e la soddisfazione di aver creduto in Pereyra.
Poco da aggiungere sul mio avversario in evidente giornata no.

9 e lode! Ma è solo l’inizio

 

La fiducia. Questa parola è il filo conduttore finora per questo inizio campionato del Kaiser.

Perchè i 100 punti non possono essere un caso e 100 anniversary  non lo sono.

La ragione è semplice: noi non dipendiamo da un singolo campione. Siamo una squadra d’acciaio dove tutti stanno dando il contributo atteso. In alcuni casi anche più di quanto atteso.

Esempi? Prendiamo i due portieri. Il titolare Neto ancora non ha subito gol. Ma il sostituto Viviano è ugualmente affidabile (solo 1 gol subito nei primi tre match). Oppure i difensori Manolas (vedrete che Benatia non lo ricorderà più nessuno tra poco), Maicon e finalmente Abate, atteso per un paio di campionati ai livelli che gli competono (da nazionale, insomma); ma adesso ci siamo. Oppure ancora l’attacco: Destro e Gabbiadini avevano già timbrato, Quagliarella e Belotti lo hanno fatto ieri. Berardi che è il più forte di tutti può riflettere comodamente in tribuna sulla squalifica. Al rientro siamo sicuri che andrà immediatamente in gol.

Sul centrocampo non sorprenderà nessuno dire che è il più forte della storia del nostro fantacalcio, al pari di quello che vedeva, sempre nelle mie fila, all’opera il trio Totti, Cassano e Nedved.

Parola di capitan Miralem “Platinì” Pjanic.

Pjanic-punizione-300x215

E’ un peccato…

Mind vs Brave: 1 – 1

Sgambetto come diceva Fabietto?…o “Ingiambetto”…come dice il presidente dei Brave, Gianluigi?! A metà. Non sbattiamo il muso, ma rallentiamo momentaneamente la corsa. Fuori casa. C’è comunque soddisfazione nell’ambiente. La squadra gira. In gol di nuovo Cossu, ma lo immaginavamo. Stavolta ci perdiamo però El Kaddouri che gioca da 7 con un assist magico. el kaddouri

Punto centrocampo. E poi Adem, è un peccato, avrà poco spazio, davanti a se praticamente tutti gli altri.  Totti ovviamente, Menez, Gervinho e Sau anche se in ritardo alla voce marcature.  Ma confidiamo. Continueremo a mordere, anche i prossimi avversari, nonostante i 100, complimenti.

Rigoroso Stop!

Brutto stop interno, questa volta eravamo schierati come mai in questo inizio campionato c’erano grandi aspettative e molta fiducia nella superiorità sull’avversario, ma purtroppo il rigore sbagliato di Palacio ci costringe ad un nuovo stop, questa volta all’Abracadabra Park.

Il progetto di rinnovo della squadra tre volte campione, si sapeva sarebbe stato lento, visti i numerosi cambi e soprattutto il fatto che i migliori giocatori sono appena arrivati in Italia e alcuni non sono ancora in condizione. Speravamo di perdere pochi punti e diciamo che in questa partita ne abbiamo perso 1, regalati 2 all’avversario, vediamo se saranno fondamentali per la lotta allo scudetto.

Intato ottimo esordio del Nino Torres un grande gol da vero Bomber e giocate da Top Player, in tre su di lui per fermarlo….lo temono e fanno bene.

Finalmente si risveglia Vidic, peccato per la traversa colpita, ottimo Lichtsteiner già leader della difesa e spinge come un dannato, primo gol ne aspettiamo altri.

Perin è pronto per la nazionale peccato per le 2 pere, che pesano sul groppone.

Le note dpalacioolenti vengono da Palacio che  x non farci rimpiangere troppo Higuain lo imita e si fa parare il rigore, poi è sfortunato quando col suo diagonale prende il palo, cmq il giocatore c’è la sfortuna può capitare, chi invece ci fa spaventare e il condottiero degli ultimi 2 campionati Mertens che sta facendo veramente schifo…il Napoli in generale sta affondando grazie al mago Pancione.

Niente è perduto, se si da continuità ai giocatori i risultati arriveranno sicuramente.

Miseria e Nobiltà

Una miseria di gol caratteriza questo secondo turno di campionato. Vittorie di misura e zero alla voce gol fatti, invertendo la tendenza della prima giornata tre punti buoni con poco più di 66.

Fa eccezione Drughi, che comunque fa tre gol con meno di 78. La nuova squadra conta già 6 punti in classifica, punteggio pieno al pari di Braveboys, le new entries alla riscossa.
Lucio però conta ancora zero alla voce commenti scritti.

palloneOra il turno infrasettimanale, il vostro presidente caporedattore nonché sommo sacerdote del fantadelirio va in Germania, quindi, forse, il commento del mercoledì slitta al prossimo week end.

UN PUNTO GUADAGNATO

Ancora una volta la rosa esprime qualità, ma le scelte del mister non sono fortunate. Fiducia a Bardi che non sfigura, ma ne prende due in più di Abbiati. In difesa troppe assenze e De Vrij si fa espellere, il centrocampo macina voti ed ancora un gol, quello che poi risulterà decisivo dell’ottimo Vazquez.

higuainA deludere è l’attacco, almeno quello titolare, El Shaarawy è pronto a spaccare il mondo, ma risulta insufficiente. Okaka si riposa nella partita/pastetta di Sassuolo e Higuain … beh il pipita deve ancora riprendersi dal mondiale, dall’eliminazione in champions, dalla terra dei fuochi e dalla campagna acquisti mediocre del Napoli, solo e abbandonato, FORZA PIPITA ti aspettiamo, però fa ambress!!!

Ottimi invece i due panchinari Cassano e Paloschi, ma mentre l’attaccante clivense era destinato ad un ruolo di comprimario il talento barese partiva titolare nei piani estivi per poi vedersi scavalcato dal giovane Okaka. Gerarchie da rivedere.

Ormai rassegnato ad una sconfitta, con sorpresa stamattina trovo un pareggio e, per mezzo voto, quasi una vittoria. Alla fine un punto guadagnato.