CAMPIONATO

CALUMET CITY 54.02

Mind The Gap – Calumet City 1 – 1 (71-69)
Zapata D 1 , De Vrij 1 , Chiesa 1 , Milik 1

Inaspettato pareggio sul campo dei Mind. Scioriniamo la solita prestazione sufficiente, salutiamo con gioia il ritorno al gol di Zapatone e la buona vena dei centrocampisti. Male Ospina, maluccio gli altri attaccanti. L’onorevole fa e disfa, tre gol e pessimi voti ed il pareggio è servito. Prendiamoci questo punticino che smuove la classifica e vediamo che succede.

Massimo

un pareggio che sa di sconfitta

nel derby del “sacro potere” finisce in pareggio che ha  il sapore  dei 2 punti persi.  i voti bassi  in attacco  e del gigante nero che non c’è più, determinano il risultato.

mind the gap

…E DAL CILINDRO GASTON…

2.54 BRAVE vs WAKA: 4-0

L’avevamo detto che il nostro campionato sarebbe cominciato oggi. Contro i candidati al titolo potevamo fare poco, mentre i campioni in carica inciampano al Giannini Stadium, perchè i Brave vogliono dimostrare al proprio pubblico che le recenti annate sono solo un cattivo ricordo. Pronti via e Cristante (all’ultimo minuto al posto di Mancuso (“caxxo!@°#”)) stava per rovinare la festa, temiamo che sia stata la sua ultima apparizione da titolare. Menomale che il gioiellino Boga (uno così a Roma subito) e De Paul ristabiliscono le distanze. Poi sale in cattedra il match-winner di giornata, GastonRamirez, giusto in tempo tra le fila dei Brave per sopperire all’assenza fino a data da destinarsi di Zaniolo. Era difficile sostituire il romanista, ci voleva qualcuno con il fiuto del gol e piedi educati, e gli scout della società avevano preparato una lunga lista, ma dal cilindro esce fuori quello dello svincolato Ramirez. Non ci sono stati dubbi. Telefonata al procuratore e disponibilità immediata del calciatore, ingaggio a parametro e subito in campo. Cosi l’ex dei Waka, col dentino avvelenato che fa?  Tira fuori due “sassolini” dagli scarpini e li fa raccogliere alle sue spalle, al mal capitato Gollini. Partita chiusa. Ora serve continuità.

BEST PLAYER: RAMIREZ: 7,5 +6

WORST PLAYER: CRISTANTE: 4,5 -1

BRAVE

Virus / Skotos 2-1

La prima giornata aveva dato segnali interessanti, la seconda ha confermato il trend e dato utili informazioni al coach. Innanzitutto Barrow, relegato erroneamente in seconda panchina per fare spazio a Petagna. Due gol + assist che rischiavamo di pagare caro. Si conferma, invece, tutto il blocco difensivo con Strakosha che ci da una diversa solidità rispetto a Gollini. A centrocampo erano assenti i laziali (lulic e Savic), in campo sono andati castro e traorè che sono rimasti sulla mediocrità. Bene Barella (ma anche il panchinaro Amrabat che avrà più considerazione nelle gerarchie), in gol ci va il tanto vituperato Callejon che sarà determinante per la vittoria. Infine l’attacco. Detto di Petagna che prende un onesto 6 (che sfigura rispetto al 7,5 di Barrow), Joao Pedro ne sbaglia davvero tante ed alla fine prende un 4,5 davvero negativo. A risolvere tutto, però, ci pensa DioIbra che sigla la vittoria con un assist ed un gol al suo esordio assoluto con la maglia dei Virus.

Bene così. Le idee sono più chiare ed i primi tre punti sono arrivati.

Giampiero

Lolly – Kaiser 1-1

Caputo (rig), Brozovic

Partita tirata fino all’ultimo tra due team comunque in giornata no.

Ne esce fuori un pareggino che serve quantomeno a fare il primo punto dopo la rovinosa sconfitta di domenica scorsa.

La crisi della Roma ovviamente pesa con ancora tre gol subiti da Pau Lopez che domenica rischierà il posto visto che c’è Atalanta – Roma e soprattutto visto il rendimento di Silvestri del Verona; male anche Kolarov, Under e Pjanic e soprattutto male la scelta di lasciare bomber Orsolini in panchina: visto come sta giocando la Roma peccato grave che ci costa due punti.

Per chiudere le note positive: decisivo gol dell’ex di Brozovic, bene all’esordio Okaka (per lui un assist ed una solida prestazione). Positivi infine, come spesso accade, capitan Papu Gomez e Castagne. Domenica rientra Lautaro e speriamo di iniziare a vincere.

Kaiser

Kaiser

UN MURO IN FACCIA

1.54 SKOTOS vs BRAVE: 6 – 1

Capatone contro ‘na muraglia, sei punti di sutura e tutti a casa! Un muro alto così, nero nero. E fin qui sapevamo che il gigante buono era fotte fotte, due volte, come i due goals messi a segno, ma i due rigghiori messi a segno dal RIGGHIONISTA, di cui uno in omaggio, proprio non vanno giù. I segnali che arrivano da questa “prima” sono in antitesi. Bene attacco con i nuovi Cornelius-Torregrossa-Ilicic, Boga si conferma bravo bravo. Male, anzi malissimo, il neo acquisto Mancini, sarà stato il cambio team, ma tant’è. Il vecchio centrocampo va in affanno ed è già corto. Mettici che agli avversari entra un Kucka-gol ed a noi un Cristante con 5 – 0,5 lo schianto contro sto muro è detto/fatto.
Va bhe…dalla prossima inizia il nostro campionato. Annamo và…

BRAVE

Buona la prima

e dopo un pò di tempo ritorno a scrivere. ringrazio il presidente per aver semplificato di molto il format. con il precedente avevo una lieve antipatia.
ottimo inizio con una convincente vittoria. temi del giorno per la mia squadra: il duo milik/dzeko regala soddisfazioni ,djuricic reclama subito un posto da titolare, la gestione dei portieri sarà di vitale importanza visto il Torino colabrodo.

Kaiser – Mind 0-2

Mala tempora currunt dicevano gli antichi romani. Adesso lo dicono pure i moderni romanisti.
Finiamo nella palta a causa della orribile prestazione di capitan Pellegrini (espulso) e Pau Lopez (4 pappine).
Male anche Under e Hateboer.
Mind segna due gollettini (Dzeko e Milik, gol dell’ex) e così viola il Kaiserdome. A nulla serve la segnatura di Orsolini che aveva aperto bene il match.

Esordio

Se il buongiorno si vede dal mattino questo potrebbe essere un anno pieno di gol….subiti.
Il 7-1 maschera tuttavia alcune buone indicazioni:
– la difesa va alla grande con assist di di lorenzo, gol del neoacquisto de ligt e buona prestazione di rrhamani. In evidenza anche la scommessa kiryakopoulos;
– il centrocampo stenta un po’ con castro ancora da inserire e callejon ancora addurmut. Bene barrella e savic. Crescono le quotazioni della scommessa zaccagni autore di un gol e di un assist;
– orfani di dioibra e di petopetagna, i Virus puntano tutto su joao pedro che, dopo aver segnato, spreca il doppiettone su rigore. Sufficiente il giovane Barrow, male floccari.
Alla prossima, oggi potevamo fare poco contro un Lolly con il vento…..in POPPA